Tuttoscuola: Il Cantiere della didattica

Oggi è il Pi Greco Day, ecco perché festeggiarlo insieme ai ragazzi

di Orazio Branciforti

Si festeggia, come ogni anno il 14 marzo (data espressa nella forma 3.14 nel mondo anglosassone), la costante matematica che indica il rapporto tra circonferenza e diametro del cerchio, il Pi Greco Day appunto. Eventi, gare e feste all’insegna della creatività: fino al 20 ad Udine incontri con esperti e gare di memoria sugli infiniti decimali, il 14 caccia al tesoro a Monfalcone e “gelato scientifico”  a Treviglio, il 16 mostra di lavori al politecnico di Milano, dal 18 al 20 il festival della matematica a Rovigo.

Anche il Miur per la prima volta festeggia questa giornata particolare. Centinaia di scuole si sfideranno online proprio in occasione del Pi Greco Day. Una delegazione di studenti svolgerà le gare al Ministero, presso il Salone della Comunicazione, dove alle 9 il ministro Valeria Fedeli ha aperto ufficialmente la manifestazione: “Si tratta di un appuntamento molto importante – ha sottolineato la Ministra – Questa manifestazione, che per la prima volta arriva al Miur, mette al centro il rilancio della passione per lo studio della matematica. Ci saranno quiz e giochi. Avremo centinaia di scuole collegate e invitiamo le altre a partecipare numerose“. In tutto il mondo matematici, fisici, studentesse e studenti rendono omaggio al Pi Greco con una serie di iniziative organizzate per il 14 marzo, una data simbolo. Scrivendola secondo la consuetudine anglosassone di anteporre il mese al giorno, dunque 3 e 14, si ottengono infatti in sequenza i numeri del Pi Greco approssimato. Il 14 marzo coincide anche con l’anniversario della nascita di Einstein. Il Pi Greco Day e’ stato lanciato per la prima volta dal fisico statunitense Larry Show nel 1988, a San Francisco.

Il Pi Greco Day in Italia punta a promuovere la passione per la matematica e le materie scientifiche tra le alunne e gli alunni. Questa mattina il Ministero ha aperto le porte a 100 ragazzi della primaria, della secondaria di I e II grado che, suddivisi in squadre, si sfideranno rispondendo ad una serie di quiz matematici, con difficoltà e stimoli differenziati in base all’ordine di scuola. Alle 11 la sfida si sposta anche online: le scuole iscritte alla manifestazione si collegano in diretta streaming con gli organizzatori dell’evento tramite un’apposita piattaforma. Per entrare nella classifica finale sarà necessario risolvere tutti gli esercizi. Per il podio, a parità di punteggio, farà la differenza il tempo impiegato nella risoluzione dei quiz. Le classifiche delle scuole partecipanti saranno comunicate nel corso di un successivo evento che si terrà il 26 aprile, sempre alla presenza della Ministra. Nel corso della premiazione sono previsti interventi di esperti per rilanciare l’importanza dell’apprendimento della matematica a scuola.

Conoscere il numero π è un obiettivo previsto dalle Indicazioni nazionali. L’approccio degli alunni a questo irrazionale è determinato dalla necessità di risolvere problemi di geometria, ma una ricerca in Internet può mostrare quanto numerose siano le sue applicazioni, anche in campi apparentemente lontani da questa disciplina.

Dopo avere percorso quindi la millenaria storia del pi greco, il Pi Greco Day può rappresentare l’occasione per costruire una festa che coinvolge le classi terze dell’istituto, allietata magari da qualche torta in tema (pi, in inglese si pronuncia come pie che significa, appunto, torta!)

Per conoscere per intero l’Unità di apprendimento, clicca qui

Forgot Password