Compiti a casa: aiuta il tuo bambino a svolgerli in 5 mosse

Ci siamo, un nuovo fine settimana è agli sgoccioli, ma tuo figlio deve ancora finire la sua dose di compiti per casa. Dopo una settimana a scuola sai bene quanto la stanchezza e la poca voglia di rimettersi sui libri contribuiscano a fargli perdere la concentrazione, ma esiste un piccolo trucco in grado di aiutarlo a ritrovarla con 5 semplici mosse.

Parti dalla materia più difficile

O meglio, quella che il tuo bambino reputa tale. Questo perché al momento di iniziare i compiti a casa, la sua soglia di attenzione è sicuramente più alta rispetto a quando, tra un po’, inizierà a essere più stanco. Insomma, è meglio togliersi subito di torno il compito che richiede più concentrazione.

Elimina le distrazioni

Computer, cellulare, tablet, tv: mettere tutto via (a patto che uno di questi strumenti non sia funzionale allo svolgimento di un compito assegnato).

Fare piccole pause

Alternare a una mezz’oretta sui libri, 10 minuti di stop. Servono per staccare la testa e tornare sui compiti con un po’ più di lucidità. Questo perché dopo 30/40 minuti di studio la concentrazione inizia a calare e bisogna recuperarla.

Mostrati paziente

Mettere ansia e fretta al bambino o sgridarlo quando non capisce un concetto o sbaglia non serve ad altro se non ad alimentare la sua insicurezza e fargli perdere la concentrazione. Mamma e papà devono invece mostrarsi il più coinvolgenti possibile ed essere disponibili a spiegare nuovamente l’esercizio qualora questo non venga capito. Se al contrario sono loro a vivere, per primi, i compiti come un peso, al bambino arriverà questo stesso messaggio e non sarà certo stimolato a svolgerli bene.

Fai domande

Ma attenzione, non solo rispetto ai contenuti studiati. Le domande che vanno rivolte al bambino devono avere lo scopo di aiutarlo nella costruzione di un metodo di studio. Possono quindi essere del tipo:

– Cosa hai studiato l’ultima volta?
– In che modo quello che hai studiato oggi potrebbe tornarti utile in un altro contesto?
– Secondo te, quali sono gli aspetti più importanti di quello che hai studiato oggi?
– Quale concetto sintetizza meglio quello che hai studiato?